Roma: Accetta/ambiente: spazi verdi a misura d’uomo

Roma si presenta in questo periodo in tutta la sua incuria e trascuratezza. Ampi spazi verdi sono caratterizzati da erba alta e incolta, la quale con l’arrivo dell’estate, non solo è maggiormente soggetta agli incendi, ma comporta la presenza di pulci, zecche e topi oltre a danneggiare il paesaggio. Pertanto, sarebbe necessario ristabilire ed ampliare il “servizio giardini” per la cura e la tutela dell’ambiente e la salubrità di coloro che vivono nelle strette adiacenze delle località più trasandate. Si auspica quindi che l’autorità comunale proceda in tempi rapidi all’assunzione di personale preposto alla cura del verde, creando giardini fioriti e alberati, con parchi giochi per cani, bambini e disabili, laddove oggi troviamo soltanto natura degradata. Quindi anche presso le strutture penitenziarie, come ad esempio la Scuola di Formazione di Polizia Penitenziaria, in via di Brava, Roma, è necessaria l’attività lavorativa di detenuti meritevoli di fiducia, per riportare la struttura ad una rinnovata bellezza ed operatività, impiegando i detenuti anche in programmi di recupero ambientale a titolo di volontariato per pulire la città. A tutto ciò si aggiunge il già reclamato bisogno di provvedere alla rimozione delle discariche a cielo aperto, aumentando il servizio Ama e le perlustrazioni sul territorio.
Concludo con una frase nota “la terra appartiene ai suoi proprietari ma il paesaggio appartiene a chi sa apprezzarlo”.
Dr.ssa Accetta Francesca
Esperta Servizi al cittadino
Stefano Martinelli
Volontario Protezione Civile Roma