Spadafora: Temperature oltre i 30 gradi in tutta la costa tirrenica della provincia di Messina e l’entroterra e si propagano gli incendi

Nella zona di Spadafora divampano nuovamente le fiamme (foto in alto) come ieri ed è stata chiusa, per la seconda volta, la A20 Messina-Palermo. Nella zona nebroidea sono Reitano, Pettineo e Motta d’Affermo i centri colpiti. La situazione…

Autostrada Messina-Palermo avvolta dalle fiamme e canadair in azione nella zona di Spadafora. Per il secondo giorno consecutivo gli incendi l’hanno fatta da padrone sulla costa tirrenica della provincia di Messina. Non si tratta di una ripresa dell’incendio di ieri ma di un nuovo punto fuoco che lascia presagire come questa volta ci possa essere la mano di piromani e, quindi, l’origine dolosa. Intorno alle 7, nelle colline tra Spadafora e la frazione di San Martino, in zona Puntale, le fiamme sospinte dal forte vento di scirocco hanno messo in serie difficoltà le forze dell’ordine e i vigili del fuoco, che sono stati costretti in via precauzionale ad evacuare alcune abitazioni pericolosamente lambite dal fuoco. Al momento sono in azione due canadair nel tentativo di evitare che la combustione possa ulteriormente allargarsi coinvolgendo il territorio al confine con Rometta. Di nuovo chiusa, come avvenuto ieri pomeriggio, l’autostrada, con gli aerei antincendio in azione anche sulle corsie della A20 e nella zona del cimitero, anch’esso minacciato dalle fiamme.

Alimentato dal vento di scirocco un incendio ha minacciato ieri anche il centro abitato di Reitano, paese collinare dei Nebrodi. Le fiamme sono divampate ieri pomeriggio in contrada Giordano Donnaluna e si sono propagate presto su un fronte di quattro chilometri. Evacuate alcune abitazioni rurali, i vigili del fuoco e le squadre di soccorso stanno cercando di evitare che le fiamme giungano fino al paese. Il traffico in direzione di Santo Stefano di Camastra è stato deviato sulla provinciale Motta d’Affermo-Pettineo. E proprio tra questi due comuni è scaturito un altro rogo, lungo la Strada Provinciale 174. Sul posto i carabinieri, vigili del fuoco e polizia locale.