Napoli: Accetta: la libertà attraverso la pace

Il mondo attraversa varie fasi, come affermava l’economista T. R. Malthus nella sua opera “saggio sul principio della popolazione e i suoi effetti sullo sviluppo futuro della società”, la storia dell’umanità si basa su di un sistema circolare che si ripete all’infinito. A tale teoria si ispirò una corrente definita malthusianesimo. La storia del mondo è soprattutto scandita da fasi di pace e di guerra, che trovano la più profonda forma di espressione nell’arte.
Una delle rappresentazioni più note e significative è l’opera “Guernica”, di P. Picasso, la città bombardata nel 1937 durante la dittatura di Francisco Franco. Capolavoro cubista, l’opera esprime gli effetti della guerra sul popolo, attraverso la dicromia cioè la visione del mondo in bianco e nero che amplifica la sensazione del dolore causato dalla guerra, un mondo a colori rappresenta invece la rinascita e sentimenti di vita. Tra gli elementi che la contraddistinguono oltre al dolore e alla disperazione ci sono sono il fiore ed una lampada, simbolo di speranza e rinascita. L’opera fu esposta in Francia. Il Guernica rappresenta un’occasione per riflettere sulle forme di violenza, sulla guerra in Siria e sul degenerarsi della stessa nel tempo, oggi scandito da una trama di terrore la cui crudeltà ed efferatezza negli attentati costituiscono il nuovo volto della guerra e della violenza che lacera il mondo seminando armi anziché fiori per renderlo un luogo di pacifica convivenza in cui ognuno possa trovare il proprio spazio ed il fresco profumo di libertà.
Dr.ssa Francesca Accetta
Esperta servizi al cittadino
Russo Roberta Pia
Studentessa liceo scientifico sportivo Napoli